La Casa e la Piazza

Piazza_Martinelli_

“Bisogna imparare a giudicare una società in base
ai suoi rumori, 
alla sua musica e alla sua festa”
Jaques Attali

La Casa della musica

Da alcuni anni stiamo cercando di dar vita ad un luogo dove la musica possa ritrovarsi.  Una Casa della musica pubblica che possa essere ogni giorno un punto di riferimento per il musicista o il semplice appassionato, un luogo di musica e di parole, di riflessione e di condivisione di esperienze musicali e artistiche diverse. Un luogo di musica (nessuna esclusa) da ascoltare e vivere non solo come esperienza estetica o come semplice esibizione di specialisti, ma come forza di coesione e di rinnovamento sociale e politico, che prenda vita nella formazione, nei concerti, nello studio, nel confronto e nella festa.

Per noi questo luogo sono i locali dell’ex-Circoscrizione 7 che dal 2013 ospitano diverse nostre attività e che vorremmo poter trasformare definitivamente in una vera Casa della musica per tutti. Una casa che trovi il proprio palcoscenico naturale nell’attigua agorà di Piazza Martinelli. Luoghi di ascolto e di incontro, anche con altre forme d’arte.

Per questo è nata a Como l’Associazione Casa della Musica. Non certo per aggiungere una nuova associazione alle tante già esistenti a Como, ma solo per tentare di raccogliere tutte quelle persone che vogliano condividere con noi la creazione del primo spazio pubblico musicale della città.

Grazie al sostegno del Comune di Como, la Casa della Musica è stata invitata a proporre quest’anno cinque iniziative all’interno della manifestazione estiva ComoLiveRisonanzeComoJazzCafé ConcertoOpera in Piazza e A due voci. Una prima occasione importante da considerare come una sorta di start up per un lavoro pluriennale che possa creare anche nuove micro-economie diffuse sul territorio.


Piazza Martinelli: uno spazio da ascoltare

I luoghi di una città hanno una loro identità storica, monumentale, sociale che si costituisce nell’immaginario di una comunità. Non sempre però è facile comprendere la funzione di alcuni spazi che nel tempo si sono trasformati smarrendo i propri riferimenti territoriali, senza, apparentemente, assumerne di nuovi.
Così riteniamo sia accaduto in Piazza Martinelli a Como. Dopo gli ultimi lavori di risistemazione non è ancora riuscita a trovare una propria identità. In questi anni ci siamo convinti che per trovarla forse bisognerebbe solo saper interrogare quello spazio non con lo sguardo, come si è soliti fare, ma con l’ascolto. E’ infatti l’acustica il bene più prezioso di questa grande ansa che si apre lungo la stretta via Bonanomi raccogliendo, grazie ad una strana concomitanza di fattori casuali, un suono che nessun altro spazio all’aperto della città può prometterci così bello e generoso.